News: 2019

Cordoglio per la scomparsa di Vanni Leopardi

Il 4 novembre si è spento nella sua casa di Recanati il conte Vanni Leopardi di San Leopardo, discendente di Giacomo Leopardi e custode delle memorie di famiglia con la figlia Olimpia, dopo la scomparsa dell’indimenticata contessa Anna Leopardi nel 2010.

Aristocratico impeccabile, dal tratto affabile con gli studiosi leopardisti, Vanni Leopardi si è dedicato con energia ed entusiasmo alla diffusione della figura di Giacomo e alla conoscenza della sua opera soprattutto tra i giovani, certo che proprio da loro il poeta fosse ascoltato nell’autenticità della sua voce poetica.

Alla cura delle carte e della biblioteca di palazzo Leopardi, il conte Vanni ha unito la passione numismatica che fu già di Monaldo. Da convinto ambientalista, è stato un imprenditore attento ai valori e alla difesa del territorio reso immortale dai versi leopardiani.

L’ultima apparizione pubblica di Vanni Leopardi è stata lo scorso settembre, in occasione della visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Recanati per l’inaugurazione dell’Orto sul Colle dell’Infinito e il restaurato Centro Nazionale di Studi Leopardiani, a seguito della riqualificazione realizzata con il contributo del Fondo Ambiente Italiano: una iniziativa che Casa Leopardi, promotrice della fondazione del CNSL nel 1937, ha convintamente sostenuto.

 

Laura Melosi