News: 2016

[30.01.2016] Call for submissions - gender/sexuality/italy

gender/sexuality/italy, 3, 2016

Call for Submissions 

gender/sexuality/italy, 3, 2016

 

Attenzione: la versione italiana segue quella inglese.

 

The editorial board is pleased to issue a call for submissions for Number 3, 2016 of gender/sexuality/italy (g/s/i), a peer-reviewed, digital open-access journal on gender studies in Italian culture.

Articles must be either in English or Italian, no longer than 10,000 words with spaces (including bibliography and footnotes), and must conform to the standards of The Chicago Manual of Style.

Articles can include multimedia material (pictures, video, and audio files), provided that copyright permissions are obtained prior to article submission. Please submit your article through this website on Submit an Article by January 30, 2016. For further details, please consult the Submission Guidelines or inquire at info@gsijournal.com.

The accepted contributions will be published online in Number 3, 2106 of g/s/i.

The journal includes four sections: 1. Themed Section, 2. Open Contributions, 3. Invited Perspectives, and 4. Reviews.

 

1. Themed Section: Gender and Language

Guest Editors: 

Michela Baldo (University of Leicester)

Fabio Corbisiero (Università di Napoli Federico II) 

Pietro Maturi (Università di Napoli Federico II)

Human languages - often misinterpreted as neutral tools for labeling the world  have a large influence on the speakers symbolic systems, and are on their turn influenced by them, both in terms of organization of meaning and direct interaction between linguistic behavior and outer reality. As shown by speech acts theory, such acts can play, in a communicative situation and more generally within a linguistic community, not only an informative but also a performative role,  acquiring thus the function of real actions capable of modifying reality. 

The expression of grammatical gender is an example of how an asymmetrical, hierarchical and inconsistent cultural and symbolic structure is reproduced in many languages, among which Italian. A heteronormative orientation guides gender selection in Italian, not only determining the supremacy of the masculine gender over the feminine (the only two genders present in Italian), but also preserving the invisibility of other genders, as represented in queer communities. The predominance of the masculine over the feminine and other genders, observed in all aspect of everyday life (work, education, family, sexuality, etc.) as well as in specialized areas (such as juridical, political, bureaucratic language, and so on), is evident both in the official and the private usage.

In Italy the debate about a non-sexist use of language  pioneered by Alma Sabatini in 1987  still fails to produce important results. For example, in current institutions and media, as well as in common speech and writing, there is still a strong resistance against the use of feminine nouns, and masculine nouns are used with a neutral and inclusive function. This implies a secondary role for the feminine with respect to the masculine gender, and hides the role of women in professions and within mixed groups.

At the same time, the traditional heterosexist society also uses linguistic instruments to keep things unchanged, and builds a discourse on gender and sexuality explicitly or implicitly oriented in a homophobic and transphobic, as well as sexist and misogynist way. This is achieved through a violent use of nouns and adjectives, through grammatical and lexical choices in relation to gender, and through the discoursive representation of interpersonal, sexual and family relationships.  

The idea of a monographic issue stems from a debate started by the AIS Gender studies section during the conference Gender and language: the signs of equality and diversity, held in Naples in December 2014, about the way in which language represents gender and sexual orientation. Starting from the hypothesis that words can be an efficient tool in the fight against discrimination based on gender and sexual orientation, this issue aims to scrutinize, in theoretical and practical terms, the mutual relationships between social change and evolution of language usage in connection to gender and sexual orientation. 

One particular goal of this issue is to focus on the permanence at all levels of sexism and heterosexism in the language of institutions and individuals (not only male, not only heterosexuals), by also describing the character and the limits of the current evolution. We also encourage contributions which move in the direction of a radical transformation of the Italian linguistic habits on the subject of gender and sexuality, also with reference to what has been proposed or realized in other countries and languages.    

In particular, we welcome contributions in the following thematic areas, which are not meant to be exclusive:

-     Sexist and non-sexist linguistic usage: defining women with masculine or feminine nouns; use of masculine or other markers to designate mixed groups of men and women, use of masculine or other markers to label people whose gender is unknown; antisexist linguistic experiments in the Italian linguistic context, also in relation to antisexist innovations in other languages.

-     Gender and genders: looking at the category of gender beyond power relationships; taxonomies and pluralization of genders; new conceptual and semantic classes to define gender; new ways to designate mixed groups or people without specifying gender identification (asterisks, slashes, hyphens, etc.)

-     Mens and womens language: genderlectal variation in sociolinguistics (textual, pragmatic, lexical, semantic, syntactic, phonetic aspects).

-     Heterosexist and non-heterosexist linguistic usage: heteronormativity in public and private linguistic communication; invisibility of homosexuals, bisexuals, queer, transgender and genderqueer people in the public and private discourse; political correctness and linguistic usage of allies in the Italian context; the social perception of gender-related and sex-related language; anti-heteronormative initiatives in the Italian linguistic context, also in relation to similar innovations in other languages.

-     Language, gender and sexuality: culture, signs, languages and semantics of Lgbtqiaa communities and of their interrelations; Lgbtqiaa languages in public and private discourse (code-switching, stereotypical features); linguistic usage in Lgbtqiaa communities; lexicon and semantics of gender in the Lgbtqiaa categories.

-     Translation, gender and sexuality: the importance of translation for the creation of new linguistic usages with regard to gender and sexuality; translation as reinforcement or transformation of heterosexist language. 

For inquiries on the Themed Section please email the Guest Editors Fabio Corbisiero fabio.corbisiero@unina.itPietro Maturi maturi@unina.itMichela Baldo mb648@leicester.ac.uk.

 

2. Open Contributions

This section of g/s/i welcomes excellent scholarly contributions concerning topics that are consonant with the main focus of our journal, but are not related to the current call for submissions. The deadlines and submission guidelines are the same as those detailed above for the themed call. For inquiries, please email Open Contributions Editor, Ellen Nerenberg, at enerenberg@wesleyan.edu.

 

3. Invited Perspectives

This section is intended for multimedia contributions by practitioners, journalists, philosophers, artists, and other individuals invited by the editors whose contributions may be instrumental to the further development of the current issue. For inquiries, please email Invited Perspectives Editor, Paola Bonifazio, at pbonifazio@austin.utexas.edu.

 

4. Reviews

Please send inquiries about book and media reviews to Reviews Editor, Clarissa Clò at cclo@mail.sdsu.edu.

 

For general inquiries please email the Editor, Nicoletta Marini-Maio at marinin@dickinson.edu.

 

Italian version 

 

Call for Submissions 

gender/sexuality/italy, 3, 2016

 

Il comitato scientifico internazionale è lieto di annunciare il call for submissions per il Numero 3, 2016 di gender/sexuality/italy (g/s/i), una rivista digitale peer-reviewed sugli studi di genere nella cultura italiana.

Gli articoli, in inglese o italiano, devono essere inoltrati attraverso il website della rivista, nella pagina Submit an Articlenon devono superare le 10.000 parole (spazi, bibliografia e note compresi) e devono conformarsi allo standard di The Chicago Manual of Style.

I contributi possono includere materiale multimediale (foto, files video e audio), a patto che si ottengano le necessarie autorizzazioni e non infrangano le regole di copyright. La scadenza ultima per linvio di un contributo è il 30 gennaio 2016. Per ulteriori dettagli, si prega di consultare la pagina Submission Guidelines o di inviare unemail a info@gsijournal.com

Gli articoli accettati saranno pubblicati online nel Numero 3, 2016 di g/s/i.

La rivista è composta da quattro sezioni:  1. Themed Section, 2. Open Contributions, 3. Invited Perspectives e 4. Reviews.

 

1. Themed Section: Genere e linguaggio

Curatori: 

Fabio Corbisiero (Università di Napoli Federico II) 

Pietro Maturi (Università di Napoli Federico II)

Michela Baldo (University of Leicester)

Le lingue umane  spesso a torto viste come strumenti neutri di etichettatura dellesistente  influenzano significativamente i sistemi simbolici dei/delle parlanti e ne sono a loro volta influenzate, sia dal punto di vista dellorganizzazione dei significati sia da quello dellinterazione diretta tra comportamento linguistico e realtà esterna. Come ci ha mostrato la teoria degli atti linguistici, infatti, questi possono svolgere nella situazione comunicativa  e, per esteso, nella comunità linguistica  un ruolo di tipo non solo informativo ma anche di tipo performativo, assumendo la funzione di vere e proprie azioni che modificano la realtà

Lespressione del genere grammaticale è un esempio evidente di come una struttura simbolica e culturale asimmetrica,  gerarchica e non coerente si riproduca in tante lingue, tra cui in italiano. Un orientamento eteronormativo distingue le scelte linguistiche di genere nel contesto italiano e determina non solo la supremazia del genere maschile sul femminile (gli unici due generi formalmente presenti nella lingua italiana), ma conserva linvisibilità di altri generi rappresentati nelle comunità queer. La prevalenza del maschile sul femminile e sugli altri generi, che si osserva in tutti gli aspetti delle pratiche di vita quotidiana (lavoro, istruzione, famiglia, sessualità...) così come nellambito di settori specialistici (linguaggio giuridico, politico, burocratico, ecc.), si manifesta attraverso gli usi linguistici pubblici e privati. In Italia il dibattito su un uso non sessista della lingua  già lanciato da Alma Sabatini nel 1987  tarda ancora a produrre effetti significativi. Per esempio, nella lingua correntemente usata dagli organi istituzionali o di potere come i media, nonché nel parlato e nello scritto comuni, si osserva una forte resistenza alla femminilizzazione dei sostantivi e si tende a usare il maschile con funzione neutra, oltre che collettiva. Questi usi implicano una subalternità del femminile al maschile, e nascondono la presenza delle donne nelle funzioni professionali e allinterno dei gruppi misti. 

Parallelamente la società tradizionale eterosessista usa strumenti anche linguistici per mantenere inalterato lo stato di fatto e costruisce a tutti i livelli un discorso sul genere e sulla sessualità esplicitamente o implicitamente orientato in direzione omofobica e transfobica, oltre che sessista e misogina, attraverso un uso spesso violento della sostantivazione dellaggettivazione, sia dal punto di vista del genere grammaticale, sia da quello lessicale, sia da quello della rappresentazione discorsiva delle relazioni interpersonali, sessuali e familiari.

Lipotesi di numero monografico nasce da una riflessione avviata dalla Sezione AIS - Studi di Genere e dal dibattito pubblico durante il Convegno Genere e Linguaggio: i segni delluguaglianza e della diversità” di Napoli (4/5 dicembre 2014) sul modo in cui il genere e lorientamento sessuale vengono rappresentati attraverso il linguaggio. A partire dallipotesi che le parole possono essere un efficace strumento della lotta alle disuguaglianze basate sul genere e sullorientamento sessuale, questo numero di g/s/i mira ad approfondire la riflessione, teorica ed empirica, sulle relazioni reciproche tra mutamento sociale ed evoluzione degli usi linguistici legati al genere e allorientamento sessuale.

In particolare si vuole mettere a fuoco il permanere, a tutti i livelli, di usi sessisti ed eterosessisti del linguaggio da parte delle istituzioni e da parte di individui (non solo uomini, non solo eterosessuali), descrivendo anche le caratteristiche e i limiti dellevoluzione in corso. Daltro lato si intende raccogliere stimoli e proposte nella direzione di una trasformazione radicale degli usi nellambito della realtà linguistica italiana anche in relazione a quanto proposto o realizzato in altri Paesi e in altri sistemi linguistici.

In particolare ci interessa articolare le riflessioni nei seguenti ambiti, da intendersi come non esclusivi: 

 

-     Usi linguistici sessisti e non sessisti: la designazione delle donne con sostantivi maschili o femminili; luso del maschile o altre modalità per designare gruppi misti di donne e uomini; luso del maschile o altre modalità per designare persone di cui non sia ancora noto il genere. Le iniziative antisessiste nel contesto linguistico italiano, anche viste in relazione alle innovazioni linguistiche antisessiste nelle lingue del mondo.

 

Genere e generi: il superamento della categoria del genere oltre le relazioni di potere; tassonomìe e pluralizzazione del genere; nuove costruzioni concettuali e classi semantiche per definire il genere; nuovi usi per indicare gruppi misti o individui non connotati sessualmente (asterischi, barre oblique, trattini, ecc.).

 

-     Linguaggi maschili e femminili: la variazione diagenerica in sociolinguistica (aspetti testuali, pragmatici, lessicali, semantici, sintattici, fonetici).

 

-     Usi linguistici eterosessisti e non eterosessisti: lorientamento eteronormativo degli usi linguistici nella comunicazione pubblica e privata; linvisibilità delle persone omosessuali, bisessuali o queer e delle persone non categorizzabili come maschili femminili (transgender, genderqueer) nel discorso pubblico e privato; il lessico e la semantica dellomofobia e della transfobia; la political correctness e gli usi linguistici dell’“ally nel contesto italiano; la percezione sociale del linguaggio relativo al genere e alla sessualità. Le iniziative non-eteronormative nel contesto linguistico italiano, anche viste in relazione alle innovazioni linguistiche nelle lingue del mondo.

 

Linguaggio, genere e sessualitàculture, segni, linguaggi e semantiche delle comunità Lgbtqiaa e delle loro interrelazioni; i linguaggi Lgbtqiaa  nel discorso pubblico e privato (code-switching, tratti stereotipici); gli usi linguistici delle comunità Lgbtqiaa; il lessico e la semantica dei generi nelle categorie Lgbtqiaa.

 

-     Traduzione, genere e sessualitàlimportanza della traduzione nella creazione di nuovi usi linguistici in materia di genere e sessualità;  la traduzione come consolidamento o trasformazione del linguaggio eterossessista. 

 

Per ulteriori informazioni contattare i Curatori del numero tematico Fabio Corbisiero fabio.corbisiero@unina.itPietro Maturi maturi@unina.itMichela Baldo mb648@leicester.ac.uk.

 

2. Open Contributions

Questa sezione di g/s/i accetta contributi accademici di alta qualità, concernenti argomenti in linea con il focus principale della rivista, ma non in relazione con lattuale call for submissions. La data di scadenza e le linee-guida per linvio dei contributi sono analoghe a quelle sopra riportate per la sezione principale. Per informazioni, rivolgersi allEditor della sezione Open Contributions, Ellen Nerenberg, inviando unemail a enerenberg@wesleyan.edu.

 

3. Invited Perspectives

Questa sezione è dedicata a contributi multimediali di professionist*, giornalist*, filosof*, artist* e altre persone invitate dal comitato scientifico, i cui contributi costituiscano un ulteriore arricchimento del numero corrente della rivista. Per informazioni, rivolgersi allEditor della sezione Invited Perspectives, Paola Bonifazio, inviando unemail a pbonifazio@austin.utexas.edu.

 

4. Reviews

Per informazioni su recensioni di libri e altri media vi invitiamo a contattare lEditor della sezione Reviews, Clarissa Clò: cclo@mail.sdsu.edu.

 

Per informazioni generali contattare lEditor, Nicoletta Marini-Maio a marinin@dickinson.edu.

 
==Nicoletta Marini-Maio, Ph.D.French and Italian Department, ChairAssociate Professor of Italian and Film StudiesDickinson Collegeg/s/i, Editor
Bosler Hall 219, Carlisle, PA 17013Tel. (717) 245-1592

***************************************************************