Letteratura e Potere/Poteri

Catania 2021

23-25 settembre 2021
Università di Catania, Monastero dei Benedettini, sede del Dipartimento di Scienze Umanistiche

(Notizie sul congresso sono reperibili anche nella pagina Facebook)

Strutture ricettive nei pressi della sede del Congresso
Informazioni per raggiungere Catania e la sede del Congresso

Letteratura e potere/poteri

XXIV Congresso Nazionale dell’Associazione degli Italianisti

Il Congresso ADI 2021 (Letteratura e potere/poteri) si terrà a Catania, presso il Monastero dei Benedettini, sede del Dipartimento di Scienze Umanistiche, da giovedì 23 a sabato 25 settembre. Le sessioni parallele si svolgeranno venerdì 24 settembre.

Per l’incertezza tuttora determinata dall’evoluzione del quadro pandemico territoriale e nazionale e dalle relative disposizioni normative, e per consentire comunque la più ampia partecipazione, una parte dei panel si terrà in presenza, a Catania, e una parte in modalità telematica, a distanza. Nell’elenco dei panel approvati è indicata la modalità scelta dai coordinatori dei panel.

Programma delle sessioni parallele

L’inserimento nel programma definitivo del Congresso è comunque subordinato all’avvenuta regolarizzazione del versamento della quota di iscrizione. Non sarà in ogni caso possibile versare la quota a Catania.
L’unica modalità prevista è il versamento (Soci: 50 euro; Associati: 25 euro) tramite bonifico bancario, al Conto Corrente dell’Associazione degli Italianisti; IBAN: IT61 N030 6904 0131 0000 0060 997.

Letteratura delle Origini e modelli fondativi del discorso sul potere: dal Duecento a Petrarca

Il lessico politico nei testi in volgare delle Origini

Coordinano LUCA LOMBARDO (Università Ca’ Foscari di Venezia), ANNA RINALDIN (Università Telematica Pegaso) e TIZIANO ZANATO (Università Ca’ Foscari di Venezia).
Discussant: LUCA LOMBARDO (Università Ca’ Foscari Venezia)
Modalità: in presenza.

  1. ANAEL INTELISANO (Università di Catania), Per una riflessione sul lessico politico in volgare siciliano

  2. ALESSANDRO PILOSU (Sapienza Università di Roma), «Ciò che ’n questa ballata vi s’indizia»: linguaggio, funzione e tradizione della ballata politica trecentesca

  3. MARIALAURA AGHELU (Università di Bologna – Université de Fribourg), Formule encomiastiche della poesia politica cortigiana del tardo Trecento

  4. ANNA RINALDIN (Università Telematica Pegaso), Parole politiche del Trecento
La rappresentazione del potere nelle opere di Dante: modelli classici, retorica sacra, contesti medievali

Coordina GIUSEPPE LEDDA (Università di Bologna)
Discussant: STEFANO CARRAI (Scuola Normale Superiore di Pisa)
Modalità: a distanza

  1. LUCA LOMBARDO (Università Ca’ Foscari Venezia – Concordia University Montréal), «Maestro in digrossare i Fiorentini». Dante alla “scuola” politica di Brunetto Latini

  2. GIULIA GAIMARI (Università di Bologna), «Diligite iustitiam qui iudicatis terram» ('Sap.' I, 1): potere e morale nell’opera di Dante e nella cultura comunale del suo tempo

  3. ANNA GABRIELLA CHISENA (Università di Bologna), «Morte di regi e transmutamento dei regni»: il potere politico e i nefasti influssi della “segnoria di Marte”

  4. GAIA TOMAZZOLI (Università di Pisa), Dante e le metafore del potere

  5. NICOLÒ MALDINA (Università di Bologna), «Il mondo che mal vive». Aspetti della polemica dantesca contro la corruzione delle gerarchie ecclesiastiche

  6. SERENA VANDI (University of Oxford), «Una pegola da patria comoda e facile». La rappresentazione dantesca del fascismo in Eros e Priapo di Carlo Emilio Gadda
Dante e il potere

Progetto di ricerca “POIChILIA PoterI e ContagI nella Letteratura Italiana: un’Antologia"
Coordinano NICOLÒ MINEO (Università di Catania) e SERGIO CRISTALDI (Università xdi Catania)
Discussant: RINO CAPUTO (Università Telematica Pegaso)
Modalità: in presenza

  1. MASSIMO LUCARELLI (Université de Savoie), Pentimento, «potestas ligandi» e «potestas solvendi» tra Inferno e Purgatorio

  2. CÉCILE LE LAY (Université Lyon 3), L’amore come fonte del dissenso dantesco

  3. SEBASTIANO ITALIA (Università di Catania), La città, l’esilio, la Monarchia

  4. PAOLO PIZZIMENTO (Università di Messina), Dante e il Gioachimismo: anarchismo evangelico e ideale imperiale

  5. PIETRO CAGNI (Università di Catania), «Et fecit signa magna» ('Apoc.', 13, 13): Gerione e il potere di Satana
La corrispondenza di Petrarca nell’orizzonte del Trecento europeo

(Gruppo di lavoro progetto Prin «Petrarch’s ITINERA: Italian Trecento Intellectual Network and European Reinassance Advent»)
Coordina NATASCIA TONELLI (Università di Siena)
Discussant: LOREDANA CHINES (Università di Bologna) e GABRIELE BALDASSARI (Università di Milano)
Modalità: in presenza.

  1. BENEDETTA MONACO (Université de Genève), Petrarca e Pierre Bersuire. Nodi politici di storia della ricezione

  2. DAPHNE GRIECO (Università di Napoli Federico II), Leggere i Fragmenta: dal Vaticano Latino 3195 all’aldina

  3. GIULIA LA ROSA (Università di Siena - Université Sorbonne Nouvelle Paris 3), Le Senili a Luchino Dal Verme: la parabola di un condottiero

  4. MARIKA INCANDELA (Università di Siena), La corrispondenza di Petrarca nell’orizzonte del Trecento europeo

  5. NICOLA DE NISCO (Università per Stranieri di Perugia), SANDRA GORLA (Università di Napoli Federico II), ALESSIA VALENTI (Università di Siena), Un database per Petrarca e i suoi contemporanei: corrispondenze, corrispondenti e circolazione manoscritta

  6. PAOLO RIGO (Università di Roma Tre), Il cardinale, suo fratello, l’amico e il patriarca: Petrarca e i Colonna

  7. ROMANA BROVIA (Università di Siena), Il poeta e i soldati. Il dialogo di Petrarca con gli uomini d’arme tra discorso sul potere e amicizia privata

  8. TOMMASO LOMBARDI (Università di Siena), «In hoc tempus incidimus». Tra Petrarca e Boccaccio, tracce di un dialogo sul senso della pratica letteraria nel proprio contesto politico e socio-culturale (1363-1373)

Letteratura, corti, istituzioni e potere tra XV e XVII secolo

Intellettuali e potere nel Quattrocento italiano

Coordinano CLEMENTINA MARSICO (Università di Firenze) e LAURA REFE (Università Ca’ Foscari Venezia)
Discussant: CONCETTA BIANCA (Università di Firenze), DONATELLA COPPINI (Università di Firenze)
Modalità: a distanza

  1. ALESSIO PATANÉ (Università di Firenze), «Non licet apertius loqui: forte erunt qui haec intelligent». Lorenzo Valla e l’elusione del potere

  2. GIULIA LEIDI (Università di Firenze), Letteratura e propaganda alla corte estense: la produzione encomiastica di Tito Strozzi

  3. CLEMENTINA MARSICO (Università di Firenze), «Quid de me consilii capiam, nondum constat»: Leon Battista Alberti e l’interpretazione politica della congiura di Stefano Porcari

  4. DANIELE CONTI (Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento), Appunti per una riconsiderazione della ‘congiura’ degli accademici romani (1468)

  5. ANDREA SEVERI (Università di Bologna), La «ruina d’Italia» vista da Filippo Beroaldo il Vecchio

  6. LAURA REFE (Università Ca’ Foscari Venezia), In casa di chi conta: Michele Acciari studente, precettore, corrispondente della Firenze di fine Quattrocento
Letteratura e carriere ecclesiastiche da Alessandro VI a Paolo III (1492-1549)

Coordinano GABRIELE BALDASSARI (Università Statale di Milano) e FRANCESCO AMENDOLA (Sapienza Università di Roma).
Discussant: CLAUDIA BERRA (Università di Milano)
Modalità: in presenza

  1. FRANCESCO BRANCATI (Università di Pisa), «In certo officio che chiaman Datario». Francesco Berni, Gian Matteo Giberti e il papato di rispetti (1524-1531)

  2. MARIANNA LIGUORI (Università di Padova), Scambi di rime con la Curia romana: nuove prospettive per Vittoria Colonna

  3. MARTINA CATERINO (Università di Genova), Annibal Caro e le gerarchie ecclesiastiche: riflessioni tra le carte private e produzione letteraria

  4. LUCA MONDELLI (Sapienza Università di Roma), Una nuova prospettiva su Giovanni Della Casa e la corte farnesiana: l’edizione della corrispondenza con Giovanni Bianchetti

  5. FRANCESCO AMENDOLA (Sapienza Università di Roma), La produzione letteraria di Pietro Bembo nelle dinamiche di potere della Curia romana
Riflessi, metamorfosi, trasfigurazioni del potere nei generi teatrali nel Quattro-Cinquecento

Coordinano ALESSANDRO BASSO (Università di Genova) e GIADA GUASSARDO (Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento).
Discussant: STEFANO JOSSA (Royal Holloway, University of London)
Modalità: a distanza

  1. MAURO DISTEFANO (Università di Catania), L’equivoco come libertà: declinazioni comico-dialogiche nella commedia de Gl’Ingannati

  2. MATTEO BOSISIO (Università di Milano), Potere, ambizione personale, velleità politiche ne Il Cesare di Orlando Pescetti

  3. MARCO SARTOR (Università di Parma), Il mito di Cefalo e Procri e la sua fioritura nelle corti di Bologna e Ferrara
Poesia lirica e potere nelle corti del primo Rinascimento (1430-1530)

Coordina ITALO PANTANI (Sapienza Università di Roma)
Discussant: GIOVANNI BÀRBERI SQUAROTTI (Università di Torino)
Modalità: in presenza

  1. ITALO PANTANI (Sapienza Università di Roma), Apertura dei lavori. Con una nota su due nuove risorse per lo studio della lirica italiana quattro-cinquecentesca

  2. ANNA GILDA SCAFARO (Sapienza Università di Roma), «Incoronato regno sopra i regni»: il mito di Venezia nella poesia di Jacopo Sanguinacci

  3. RICCARDO DE ROSA (Università di Pisa), La lira del potere: forme e generi metrici del discorso politico nella lirica sotto Borso ed Ercole

  4. RITA BENNARDELLO (Università di Cassino e del Lazio meridionale), Ercole I d’Este nei Tumultuaria Carmina di Ludovico Pittorio

  5. NICOLE VOLTA (Sapienza Università di Roma), Tra Firenze e Ferrara. Presenze (e assenze) nel canzoniere di Ludovico Ariosto

  6. ALBERTO MARIA AMORUSO (Università di Bari Aldo Moro), Compianto per condottieri, nobildonne e dignitari. La corte aragonese nei Tumuli di Giovanni Pontano

  7. ALESSANDRO CARLOMUSTO (Sapienza Università di Roma), «Fulgon nei versi miei lor nomi»: poesie ad amici e potenti nell’ Endimione di Cariteo

  8. ERIKA AMORINO (Sapienza Università di Roma), Dopo la disfatta. Il tòpos della nostalgia aragonese nei poeti meridionali di primo Cinquecento
Il potere della letteratura: alle radici della modernità (1530-1580)

Proponenti VALENTINA GALLO (Università di Padova), GIOVANNA RIZZARELLI (Università di Ferrara), IRENE ROMERA PINTOR (Università di Valencia), FRANCESCO SBERLATI (Università di Bologna), ALESSANDRA TRAMONTANA (Università di Messina) e SUSANNA VILLARI (Università di Messina)
Coordinano: IRENE ROMERA PINTOR (Università di Valencia), SUSANNA VILLARI (Università di Messina) Discussant: PASQUALE SABBATINO (Università di Napoli Federico II)
Modalità: in presenza

  1. PAOLA UGOLINI (University at Buffalo SUNY), La letteratura pastorale tra cultura cortigiana e critiche alla corte

  2. ALDO STABILE (Università di Padova), Dietro l’osceno. Il tempo presente ne La Cazzaria di Vignali

  3. TOMMASO GHEZZANI (Scuola Normale Superiore di Pisa), Per una teoria poetico-amorosa in Francesco Patrizi da Cherso: tra cultura cortigiana e ‘magia’ platonica

  4. SIMONE TESTA (International Studies Institute - Medici Archive Project), Il Thesoro politico (1589): la letteratura cortigiana al servizio della politica
La parola incarnata: profezia, misticismo, modelli di potere nelle scrittrici tra Quattro e Seicento

Coordina CLARA STELLA (University of Oslo)
Discussant: FLORIANA CALITTI (Università per Stranieri di Perugia)
Modalità: in presenza

  1. ELEONORA CAPPUCCILLI (University of Oslo), Profezia e dubbio in Domenica da Paradiso (1473-1553)

  2. ELEONORA CARINCI (University of Oslo), La Vergine Maria come modello di potere femminile negli scritti delle donne tra Cinquecento e Seicento

  3. ILARIA ROSSINI (Università per Stranieri di Perugia), Réécrire la Fortune. Etica di corte, potere e allegoria da Christine de Pizan ad Anne de Graville

  4. CLARA STELLA (University of Oslo), L’Aracne profetica: prospettive di ricerca sulle Epistolae Familiares di Laura Cereta (1469-1499)
Deformità, difformità: il corpo fisico e il corpo politico nel Rinascimento

Coordinano GIULIA LOMBARDI (Ludwig-Maximilians-Universität, Monaco di Baviera) e MANUEL MÜHLBACHER (Ludwig-Maximilians-Universität, Monaco di Baviera)
Discussant: ANTONIO CORSARO (Università di Urbino Carlo Bo)
Modalità: a distanza

  1. MANUEL MÜHLBACHER (Ludwig-Maximilians-Universität, Monaco di Baviera), L’ombra della bruttezza nelle Stanze per la giostra di Poliziano

  2. ENRICO ZUCCHI (Università di Padova), Il satiro addomesticato. Percorsi del dramma pastorale del Cinquecento, da Ferrara a Padova

  3. MARIANNA NESPOLI (UCLA), Il corpo di Ramirro De Orco come strumento di potere sovrano ne Il principe di Niccolò Machiavelli

  4. GIULIA LOMBARDI (Ludwig-Maximilians-Universität, Monaco di Baviera), Violenze e crudeltà. Deformità fisiche e difformità ideologiche nel poema epico tra Cinquecento e Seicento
Letteratura e potere nel Seicento

Coordinano SIMONE MAGHERINI (Università di Firenze) e VINCENZO CAPUTO (Università di Napoli Federico II)
Discussant: PASQUALE GUARAGNELLA (Università di Bari Aldo Moro)
Modalità: in presenza

  1. GIUSEPPE GUARRACINO (Università di Pisa), «Il mondo da quella parte ha un nimico solo: superiore a ciascuno, inferiore a tutti insieme». Il dominio spagnolo ne La Donzella desterrada di Giovan Francesco Biondi

  2. ANTONIO IURILLI (Università di Palermo), Favola e potere. La Bestiarum Schola di Pompeo Sarnelli

  3. MARCELLO SABBATINO (Università di Firenze), Scrivere «in pro del mondo che mal vive». La funzione e gli strumenti della poesia giocosa e satirica in Alessandro Allegri e Nicola Villani

  4. FABRIZIO SCRIVANO (Università di Perugia), Villani a Corte, Corti in Piazza. Metamorfosi della saggezza

  5. SARA STIFANO (Università di Napoli Federico II), Da La Fuga a Gli Errori : la lotta per la sopravvivenza dentro e fuori l’ Adone

  6. BARBARA TANZI IMBRI (Università di Milano), Gabriello Chiabrera alla corte dei Medici: l’elogio di Cosimo II nelle canzoni celebrative del calcio fiorentino

  7. GIULIA TELLINI (Università di Firenze), Rifrazioni di luce nella poesia di Galileo
Il potere e le Accademie. Reti, scambi e produzioni nel Regno di Napoli nella prima età moderna

Coordina CRISTINA ACUCELLA (Università della Basilicata)
Discussant: GIANLUCA GENOVESE (Università Suor Orsola Benincasa, Napoli)
Modalità: a distanza

  1. ANDREA LAZZARINI (Fondazione Ezio Franceschini, Firenze), Petrarchismo nella Napoli ‘oziosa’: il caso di Giovan Battista Basile

  2. LELIO CAMASSA (Università della Basilicata), I Concetti catolici di Giulio Cortese tra Accademia degli Svegliati e ortodossia religiosa: primi appunti

  3. PAOLO PONZÙ DONATO (Università di Firenze), Parrasio, Seripando e i primi passi dell’Accademia Cosentina

  4. DELPHINE MONTOLIU-DI STEFANO (Université Toulouse - Jean Jaurès), La presenza degli accademici siciliani nel Regno di Napoli nei secoli XVI-XVII

  5. VALENTINA LEONE (Istituto Italiano per gli Studi Storici, Napoli), Tra Intronati e Sereni. Momenti e forme della politica culturale di Ferrante Sanseverino principe di Salerno nei sodalizi accademici cinquecenteschi

  6. CRISTINA ACUCELLA (Università della Basilicata), L’Accademia del Principe: il caso dei Rinascenti di Venosa

  7. CHIARA FUSCO (Università di Napoli Federico II), Le guerre nel Regno di Napoli (1501-1504) dagli occhi di un esule: le rime politiche di Antonio Ricco

Descrizioni, rappresentazioni e riflessioni sul potere fra Settecento e Ottocento

La prosa e il lessico degli illuministi meridionali

Coordinano PASQUALE GUARAGNELLA (Università di Bari Aldo Moro) e ALDO MARIA MORACE (Università di Sassari)
Discussant: GIAN MARIO ANSELMI (Università di Bologna)
Modalità: a distanza

  1. SIMONETTA TEUCCI (Università di Siena), Tasse e potere nel XVIII secolo tra Toscana e Meridione

  2. ROSANNA LAVOPA (Università di Bari Aldo Moro), Melchiorre Delfico e un inedito Aneddoto letterario . Una proposta di riforma del Diritto civile

  3. ELISABETTA SELMI (Università di Padova), Dalle Osservazioni sopra il libro del Signor Elvezio intitolato Lo Spirito (1766) di Giovan Battista Almici alla Diceosina di Genovesi e al ‘Libro sull’educazione’ di Filangieri

  4. DOMENICA FALARDO (Università di Salerno), Ultime dal “Cantiere Galanti”: il saggio inedito sulla letteratura napoletana

  5. ANDREA SALVO ROSSI (Scuola Superiore Meridionale di Napoli), Semantica della moltitudine nei Discorsi di Pietro Giannone

  6. FLORIANA CALITTI (Università per Stranieri di Perugia), Il lessico della biblioteca “morale” di Antonio Genovesi

  7. SILVIA ZOPPI GARAMPI (Università Suor Orsola Benincasa, Napoli), Tra memoria e innocenza: le forme del mito negli scritti politici di F.M. Pagano

  8. AMBRA CARTA (Università di Palermo), Filosofia, Scienza e Letteratura nell’ Adamo ovvero Il Mondo creato di Tommaso Campailla

  9. EMILIO FILIERI (Università di Bari Aldo Moro), Giovan Leonardo Marugi (1753-1836) e il Discorso sullo stato attuale delle Scienze
Del principe e delle lettere: il rapporto tra letterati e potere attraverso l’epistolografia

C.R.E.S. - Centro di Ricerca sugli Epistolari del Settecento
Coordinano FABIO FORNER (Università di Verona) e CRISTINA CAPPELLETTI (Università di Verona).
Discussant: FRANCO ARATO (Università di Torino)
Modalità: a distanza

  1. ISABELLA PROCACCI (Università di Bari Aldo Moro), Culto della tradizione e cauto riformismo: il carteggio Crescimbeni-Maioli
  1. EMILIO BOARETTO (Università di Verona), «Una bagatella sopra Archimede». Il rapporto tra Gian Maria Mazzucchelli e Angelo Calogerà: un carteggio durato trent’anni

  2. MASSIMO GALTAROSSA (Università di Padova), I letterati padovani alla ricerca dell’identità nel secondo Settecento

  3. CRISTINA CAPPELLETTI (Università di Verona), Bodoni e i quattro classici della nostra letteratura
Modi e forme di rappresentazione del potere nel romanzo italiano dal primo Ottocento all'Unità d'Italia

Coordina FABIO DANELON (Università di Verona)
Discussant: CORRADO VIOLA (Università di Verona)
Modalità: in presenza

  1. ROSARIO CASTELLI (Università di Catania), L’ultimo borghese : epos risorgimentale e radicalismo dell’antipolitico Enrico Onufrio

  2. ALESSANDRA ZANGRANDI (Università di Verona), Il potere di polizia nella memorialistica risorgimentale

  3. MICHELE MARCHESI (Università di Verona), Tre rapporti di potere nelle Confessioni d’un italiano

  4. MADDALENA RASERA (Università di Verona), Le Lettere sentimentali e politiche d’un giovine Italiano di Desiderio Martelli

  5. SABRINA CAIOLA (Università di Verona), Il potere dietro la porta. Su alcune soglie difficili per Renzo nei Promessi sposi
Il potere in scena: narrazioni e teatro nell’Ottocento

GRUPPO ADI – RRR
Coordinano SILVIA TATTI (Sapienza Università di Roma) e STEFANO VERDINO (Università di Genova)
Discussant: VALTER BOGGIONE (Università di Torino)
Modalità: a distanza

  1. MATILDE ESPOSITO (Sapienza Università di Roma – Sorbonne Université), Un «infame libercolo». L’ Arnaldo da Brescia (1843) di Niccolini

  2. ALESSANDRO FERRI (Università per Stranieri di Perugia), Da Mitridate a Bajazet: proiezioni napoleoniche nel teatro di Francesco Benedetti (1809-1816).

  3. STEFANO PIFFERI (Università della Tuscia), «Chi fa giustizia mo? Chi fa giustizia? Er solo adesso a fa giustizia è er boia». Giustizia, burocrazia, potere nel palcoscenico romanesco di Belli

  4. ELENA RONDENA (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano), Il ruolo di Ludovico di Breme nelle scene milanesi

  5. ILIAS G. SPYRIDONÌS (Università Aristotele di Salonicco), Rappresentazioni narrative e segni del potere nei racconti di Angelica Palli Bartolomei
Rovani, potere e società

Coordina ALEJANDRO PATAT (Università per Stranieri di Siena)
Discussant: LORENZO GERI (Sapienza Università di Roma)
Modalità: a distanza

  1. SILVANA TAMIOZZO (Università Ca’ Foscari Venezia), Le maschere del potere e la libertà dell’arte nei Cento anni di Rovani

  2. MONICA GIACHINO (Università Ca’ Foscari Venezia), Giocando a rimpiattino con la censura: letteratura e potere nei Cento anni

  3. ALEJANDRO PATAT (Università per Stranieri di Siena), Rivolte e rivoluzioni nei romanzi rovaniani

  4. LUCA GALLARINI (Università di Milano), Il potere del padre: lotte familiari e politiche nei primi romanzi di Rovani

  5. FRANCESCA PULIAFITO (Università di Pavia), Il potere del clero nella ricostruzione storico-letteraria dei Cento anni
“Osservare senza giudicare”? Rappresentazioni narrative dei poteri nelle scritture veriste

Progetto di ricerca “POIChILIA PoterI e ContagI nella Letteratura Italiana: un’Antologia”
Coordinano ANDREA MANGANARO (Università di Catania) e LAURA LUPO (Università di Catania)
Discussant: GABRIELLA Alfieri (Università di Catania)
Modalità: in presenza (alla Fondazione Verga).

  1. ILARIA MUOIO (Università di Pisa), L’imperativo della madre e il figlio come feticcio: tre casi di studio nella narrativa di Capuana

  2. ELISABETTA MANTEGNA (Università di Catania), La tassonomia del potere dello “zoo verghiano”

  3. DARIA MOTTA (Università di Catania), Tra cortili e salotti. Rapporti di forza e d’amore nel teatro di Verga

  4. DARIO STAZZONE (Università di Catania), La «dominanza della prigione» in Storia di una capinera di Verga

  5. STEPHANIE CERRUTO (Università per Stranieri di Siena - Università di Catania), La rappresentazione del potere nelle opere di Verga tra connotazione retorica e denotazione convenzionale

  6. GABRIELLA ALFIERI (Università di Catania), Dal cenciaiuolo al ministro ed all’artista: lati e traslati delle “fisonomie” sociali dell’Italia moderna nel Verga verista

  7. ALICE PETROCCHI (Università di Firenze), «La prepotenza intollerabile della legge». La rappresentazione del potere politico ed economico in Novelle e paesi valdostani di Giuseppe Giacosa

  8. LAURA LUPO (Università di Catania), «Prendere il mestolo»: il potere dei «servi di Dio» nelle novelle di Giovanni Verga

  9. ANDREA MANGANARO (Università di Catania), Il potere smisurato di chi giudica, la voce degli altri, e la terza possibilità offerta dalle narrazioni di Verga
Censura e autocensura nelle scritture letterarie in Italia (1815-1870)

Coordinano SIMONE CASINI (Università di Perugia), CHIARA PIOLA CASELLI (Università di Perugia) e FABRIZIO SCRIVANO (Università di Perugia). Discussant: LAURA DIAFANI (Università di Perugia)
Modalità: a distanza

  1. CHIARA SILVESTRI (Sapienza Università di Roma), Il confronto con il potere nelle opere della maturità di Giuseppe Compagnoni

  2. SARA PETTA (Università della Basilicata), Antonio Ranieri: la Ginevra e la censura borbonica

  3. FRANCESCO ZAMBELLA (Università di Perugia), Il Rigoletto di Verdi e i suoi adattamenti

  4. CHIARA PIOLA CASELLI (Università di Perugia), Felice Le Monnier e la censura granducale. Il caso del romanzo Jacopo Foscari di Tommaso Paoli

  5. ATTILIO MOTTA (Università di Padova), A cosa allude? Referenzialità e funzione fàtica nelle crittografie nieviane.

  6. SIMONE CASINI (Università di Perugia), L’avventurosa navigazione di una gran traversata. Carlo Tenca direttore di periodici e la censura lombardo-veneta

  7. ELISA SQUICCIARINI (Università di Pisa), Un epodo di anti-potere: alcune varianti inedite a Per il LXXVIII anniversario dalla proclamazione della Repubblica francese
Strategie della reticenza dalla Restaurazione all’Unità

Coordina SILVIA CONTARINI (Università di Udine)
Discussant: ATTILIO MOTTA (Università di Padova)
Modalità: a distanza

  1. BIANCA DEL BUONO (Università di Udine - Friedrich-Alexander Universität Erlangen-Nürnberg), I travestimenti narrativi del «Conciliatore» (1818-1819)

  2. FRANCESCA BIANCO (Università di Padova), ‘Quel che si vede e quel che non si vede’ nelle riviste venete nieviane

  3. CLAUDIA MURRU (Università di Udine), Appunti per una fenomenologia del non detto nelle riviste umoristiche pre-unitarie. Il caso de «L’Uomo di Pietra»

  4. FEDERICO CASARI (Independent Researcher), Uno stile per il trasformismo? L’eredità della scrittura satirico-umoristica del Risorgimento agli esordi di «Fanfulla» (1870)
Il potere del passato e l’affermazione del presente. Forme e declinazioni letterarie dell’identità nazionale in Italia tra Sette e Novecento

Coordinano SIMONA DI MARTINO (University of Warwick) e BEATRICE PECCHIARI (Università di Pisa)
Discussant: SIMONA DI MARTINO (University of Warwick) e BEATRICE PECCHIARI (Università di Pisa)
Modalità: a distanza

  1. ADELAIDE PAGANO (Università di Salerno), Il canone oltraggiato e difeso: le reazioni della critica italiana all’influenza del modello straniero. Il caso del Consiglio ad un giovane poeta (1779) di Martin Sherlock

  2. CAMILLA BENCINI (Università di Firenze), «Combattere il dirizzone immorale di questa braccata letteratura»: funzione civile e morale della letteratura in Giovanni Faldella

  3. GIANLUCA MAJELI (Università di Urbino Carlo Bo), Il canone “nazionalista” di un popolo privo di nazione secondo Tommaso Gargallo

Scrittori e poeti del Novecento a confronto con il potere

Gabriele D’Annunzio, dal potere della parola alla parola del potere

Coordinano MARIO CIMINI (Università "G. d'Annunzio" di Chieti-Pescara) e MARIA TERESA IMBRIANI (Università della Basilicata)
Discussant: GIUSEPPE TRAINA (Università di Catania)
Modalità: in presenza

  1. ANGELA BUBBA (Sapienza Università di Roma), Potere e parola: Gëzim Hajdari lettore di Gabriele d’Annunzio

  2. JULIEN DELVAUX (Università di Catania – Université de Liège), Confessione, gelosia e deliri ne L’Innocente (1892)

  3. TERESA GUAZZELLI (Dirigente scolastico USR-Sicilia), Gabriele d’Annunzio, i ‘giocolieri dell’aria’ ed il raid Roma-Tokio

  4. SIMONE PETTINE (Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara), Il potere della parola fantastica: i racconti meravigliosi e leggendari di Gabriele d’Annunzio

  5. ANDREA LOMBARDINILO (Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara), Il diritto di contraddirsi: d’Annunzio e la bellezza della folla

  6. MARIA TERESA IMBRIANI (Università della Basilicata), Un’avventura non troppo letteraria: postilla sul mancato incontro tra Nitti, d’Annunzio e Mussolini dell’agosto 1922

  7. MARIO CIMINI (Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara), «Io sono lo scrittore destinato alla castratura, forever!»: note sul rapporto tra d’Annunzio e la censura editoriale
«La metafisica di Pirandello»: lo scontro tra individuo e società

Coordinano FRANCESCA CASTELLANO (Università di Firenze) e MARCELLO SABBATINO (Università di Firenze)
Discussant: MATTEO PALUMBO (Università di Napoli Federico II)
Modalità: in presenza

I.

  1. MONICA VENTURINI (Università di Roma Tre), Narrazione, spazialità e distopia nella novellistica pirandelliana

  2. FRANCESCA TOMASSINI (Università di Roma Tre), (S)vestire i personaggi. Il caso de La vita nuda

  3. ITALA TAMBASCO (Università di Foggia), «Più vado avanti e più odio la società e la civiltà»: edonismo metropolitano e metafisica naturale in Pirandello

  4. ANNACHIARA MONACO (Università di Napoli Federico II), La doppia creazione. L’accumulo e lo scarto in Giustino Roncella nato Boggiòlo

II.

  1. GIULIANA SANGUINETTI KATZ (Università di Toronto), L’individuo pirandelliano sospeso tra l’angoscia del proprio mondo interno e le finzioni della società

  2. THOMAS GRAFF (University of Cambridge), Una metafisica del superfluo: saggismo in Sei personaggi di Pirandello

  3. MARIO MINARDA (Università di Palermo), Dinamiche del potere, conflitti del reale. La nuova colonia di Pirandello tra antico e moderno.

  4. GIANMARCO LOVARI (Università di Firenze), Lucini, Pirandello e il gioco delle maschere
Strategie narrative del potere in Primo Levi

Coordinano MICHELE MAIOLANI (University of Cambridge) e SIMONE GHELLI (FINO - Università di Pavia)
Discussant: SIMONE GHELLI (FINO - Università di Pavia)
Modalità: a distanza

  1. STEFANO BELLIN (UCL - University College London), Il potere della verità: esame interiore e parresia ne I sommersi e i salvati

  2. RICCARDO CURCURÙ (Université Clermont Auvergne - CELIS), Spazio politico e analisi del potere nell’ultimo Primo Levi

  3. GIOVANNI MIGLIANTI (Yale University), Il compromesso affettivo di Primo Levi

  4. CESARE PANIZZA (Università di Verona), Primo Levi, l’antifascismo e la scelta della Resistenza
«Ognuno riconosce i suoi»: storia e potere nella produzione di Montale

Coordinano TIZIANO ZANATO (Università Ca’ Foscari di Venezia) ed ELENA SANTAGATA (Università Ca’ Foscari di Venezia)
Discussant: TIZIANO ZANATO (Università Ca’ Foscari Venezia)
Modalità: in presenza

  1. GIAMPAOLO BORGHELLO (Università di Udine), Silvio Guarnieri (‘l’ultimo testimone’) e la storia di Montale

  2. ANDREA BONGIORNO (Aix-Marseille Université – Università di Siena), «Un rispettabile / prendere le distanze»: meccanismi stilistici di distanziazione dal potere nella poesia di Montale

  3. LIAN SHUANG (Università Ca’ Foscari Venezia), Ideologia e poesia nella ricezione di Montale in Cina

  4. LORENZO NEGRO (Università Ca’ Foscari Venezia), Il tempo che passa: fantasmi di guerra nelle poesie di Montale e Sereni

  5. ELENA SANTAGATA (Università Ca’ Foscari Venezia), Le Muse di Satura : nuove divinità e nuovi poteri
Potere e poteri di Pier Paolo Pasolini nei media

Coordina CATERINA CONTI (Università di Trieste)
Discussant: PIETRO RUSSO (Università di Catania)
Modalità: a distanza

  1. DARIO GATTIGLIA (Università di Genova), «Se soltanto egli avesse potuto»: Sanguineti pubblicista e le ceneri di Pasolini (1975-1980)

  2. SPIROS KOUTRAKIS (Università Aristotele di Salonicco), Una vita violenta : rendere protagoniste le donne del libro

  3. CATERINA CONTI (Università di Trieste), La comunicazione di Pasolini nella radio

Il potere del mercato e le lettere: letteratura popolare, letteratura industriale, mercato editoriale

Industria culturale e nuovi mecenati in Età contemporanea

Coordinano LUCIANA PASQUINI (Università “G. D’Annunzio”, Chieti-Pescara), ROTRAUD VON KULESSA (Universität Augsburg) e MONICA BIASIOLO (Universität Augsburg)
Discussant: MONICA BIASIOLO (Universität Augsburg)
Modalità: in presenza

  1. LUCIANA PASQUINI (Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara), Presentazione del Panel

  2. ROTRAUD VON KULESSA (Universität Augsburg), Introduzione critica. Postura dell’autore ed eteronomia del campo letterario odierno

  3. MARCO BORRELLI (Università di Roma Tre - ENS Lyon), Tra conformismo e dissidenza: gli scrittori italiani alle prese con i nuovi circuiti editoriali di fine Ottocento

  4. MAURIZIO REBAUDENGO (Convitto Nazionale “Umberto I”, Torino), «(…) nessuno più di me (…) aspira alla funzione di scopacessi»: sondaggi su di una questione di genere nella Giulio Einaudi editore

  5. MARA TRAVELLA (Universität Zürich), Le Ghilde del libro: riflessioni sull’editoria a partire dall’esempio luganese

  6. ELENA GRAZIOLI (Università di Pisa), Le inchieste di «Nuovi Argomenti»: riflessioni sulla letteratura nell’epoca dell’industria culturale

  7. LUCIANA PASQUINI (Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara), Un intellettuale senza mecenati: Juan Rodolfo Wilcock

  8. MATTEO FANTUZZI (Independent Scholar), Forme di mecenatismo letterario: Franco Buffoni e «I quaderni di poesia contemporanea»
Letteratura e potere del mercato editoriale

Coordinano MARIA PANETTA (Sapienza Università di Roma) e SALVATORE PRESTI (Università di Palermo)
Discussant: MATTEO DI GESÙ (Università di Palermo)
Modalità: in presenza

  1. MARIA PANETTA (Sapienza Università di Roma), L’ingombrante presenza dell’editor. Il dibattito sul ruolo degli editor negli ultimi decenni in Italia

  2. SABRINA BORCHETTA (Università della Calabria), «Un’amicizia rara»: note sulla relazione tra l’editore Sellerio e gli autori Sciascia, Bufalino, Camilleri

  3. SEBASTIANO TRIULZI (Università Internazionale UniNettuno), Carlo Bordini: una storia editoriale

  4. SALVATORE PRESTI (Università di Palermo), Lo strano caso della bimba in copertina

Il volto e l’ombra del potere: la sopraffazione della donna, la “giustizia”, le trame occulte, il potere industriale

Il potere delle convenzioni sulle vite di donna nel romanzo otto e novecentesco

Coordina PATRIZIA ZAMBON (Università di Padova)
Discussant: MONICA CRISTINA STORINI (Sapienza Università di Roma)
Modalità: a distanza

I.

  1. LORETTA MARCON (Università di Padova), Convenzioni e costrizioni in Paolina Leopardi. La tardiva, inutile “libertà” del suo tramonto

  2. FRANCESCO MERETA (Università del Piemonte Orientale), Amalia, Denza, Nanna: per una lettura della narrativa della Marchesa Colombi

  3. CINZIA GALLO (Università di Catania), «È una miseria l’essere donna»: Teresa di Neera

  4. LAURA ROSI (Università di Roma Tre), Essere Elena: il nomen omen di un’ambigua sopraffazione

  5. SALVATORE FRANCESCO LATTARULO (Università di Bari Aldo Moro), Sorella morte: il sacrificio di Amalia e «il grande misfatto». La femminilità negata in Senilità di Italo Svevo

  6. PATRIZIA ZAMBON (Università di Padova), Due definizioni in antifrasi: la Bianca Maria Cavalcanti di Matilde Serao e la Lelia Camin di Antonio Fogazzaro

  7. LOREDANA PALMA (Università di Napoli “L’Orientale”), Tra pregiudizio e paradosso: la figura di Marta Ayala ne L’esclusa di Pirandello

II

  1. FRANCESCA FAVARO (Università di Padova), Scene di vita coniugale nei racconti di Ada Negri: imposizioni, gelosie, solitudini

  2. PAOLA BENIGNI (Università di Roma Tor Vergata), Da “anatroccola arruffata” a “quasi Grazia”: gli anni romani della ‘donna scrittrice’ Grazia Deledda

  3. MARIA ANTONIETTA GARULLO (Università di Roma Tor Vergata), Convenzioni, scienza e letteratura: Anna Celli e Uomini che non scompaiono

  4. LUCINDA SPERA (Università per Stranieri di Siena), Dalla parte di lei (1949): un romanzo «che non persuaderà tutti»

  5. SARA DA RONCH (Università di Friburgo - Università di Padova), La scrittura e l’arte nel pensiero di Anna Banti: meccanismi di difesa o strumenti di riproduzione del potere patriarcale?

  6. NOVELLA PRIMO (Università di Catania), Lalla Romano: Un caso di coscienza e altre narrazioni controcorrente

  7. ANNA LISA SOMMA (University of Birmingham), «Quello che potrei essere e non sono»: la sfida alle convenzioni in Un quarto di donna di Giuliana Ferri

  8. DANIELA NUZZO (Università del Salento), Un sogno fatto in Sicilia. Su Leonardo Sciascia
“Dove mai si va a ficcare il diritto!”. Giudici, avvocati, tribunali e condanne in letteratura

Coordinano GIORGIO PATRIZI (Università Mercatorum Roma) e TERESA AGOVINO (Università Mercatorum Roma)
Discussant: GIORGIO PATRIZI (Università Mercatorum)
Modalità: in presenza

  1. GIORGIO PATRIZI (Università Mercatorum), La legge, la pena, la scrittura. La letteratura come processo

  2. LUCIA BASTIANINI (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano), Menzogna e verità nella Storia della colonna infame

  3. JOSEPH PACE ASCIAK (Università di Malta), Quando la giustizia inverte la rotta: Un anno alle Murate di Ettore Socci

  4. TERESA AGOVINO (Università Mercatorum), Associazione a delinquere di stampo mafioso. La condanna (mai emessa) alla Magliana in Romanzo Criminale
Inferni. Il potere di condannare (secondo giustizia)

Coordinano BRUNO CAPACI (Università di Bologna) e LUCIA RODLER (Università di Trento)
Discussant: ANDREA CAMPANA (Università di Bologna)
Modalità: in presenza

  1. ANDREA BOCCHI (Università di Udine), I partiti politici, dall’inferno e ritorno

  2. JESSICA CASTAGLIUOLO (Università di Bologna), L’inferno e la prigione del sonetto: intorno al petrarchismo di Vittoria Colonna e Michelangelo Buonarroti

  3. LAVINIA SPALANCA (Università di Palermo), Il potere della parola: gli Inferni di Anton Francesco Doni

  4. DOMENICO FADDA (Università per Stranieri di Perugia), La condanna del potere ne L’Inferno della Tirannide di Bernardo Bellini

  5. ELENA VALENTINA MAIOLINI (Università Ca’ Foscari Venezia – Université de Paris-Sorbonne), «Cognata, avete orrore di me?». Sul Malatestino di d’Annunzio

  6. SILVIA T. ZANGRANDI (Università IULM Milano), Non aspettavano altro : il potere e la giustizia fai da te in un racconto di Dino Buzzati

  7. LUIGI CEPPARRONE (Università di Bergamo), Le periferie dell’inferno. Su L’ Arialda di Giovanni Testori

  8. CARLA CAROTENUTO (Università di Macerata), Dall’inferno manicomiale alla problematica libertà. Altre verità e scritture di genere

  9. ELVIRA PASSARO (Università dell’Insubria), Nel vuoto del «post-inferno»: neurofarmaci e tortura oltre il dolore al tempo del post-umano. Aspetti argomentativi ed etici.
Trame dell’Apocalisse. Narrazione di complotti, contropoteri e fine del mondo

Progetto di ricerca “POIChILIA PoterI e ContagI nella Letteratura Italiana: un’Antologia”
Coordina GIUSEPPE PALAZZOLO (Università di Catania). Discussant: FELICE RAPPAZZO (Università di Catania)
Modalità: in presenza

  1. GIUSEPPE PALAZZOLO (Università di Catania), Trame dell’Apocalisse

  2. ANTONIO SICHERA (Università di Catania), L’Apocalisse di Pirandello

  3. JOANNA BARTKOWIAK (Università Adam Mickiewicz di Poznan), Nel potere della paura: la visione surreale della fine del mondo di Dino Buzzati

  4. PIETRO RUSSO (Università di Catania), Storia e Dopostoria: “il tempo che resta” secondo Pasolini

  5. CHRISTIAN D’AGATA (Università di Catania), Il potere dei corpi e dei relitti nelle narrazioni della Fine. Le apocalissi di Morselli, Volponi, Eco e Calvino

  6. NICCOLÒ AMELII (Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara), Sulla soglia della fine

  7. ELIANA VITALE (Università di Catania), Da La parola innamorata a Con parole remote : apocalisse e palingenesi nella poesia di Giancarlo Pontiggia

  8. EMILIANO S. ZAPPALÀ (University of Warwick), Post-verità e paradigma della fine: uno sguardo a Reality di Giuseppe Genna e La città dei vivi di Nicola Lagioia
Censura ed editoria tra l’Italia e il Mondo arabo

Coordinano WAFAA RAOUF EL BEIH (Università di Helwan, Il Cairo) e ABDELHALEEM SOLAIMAN (Università di Aswan - Università di Genova)
Discussant: WAFAA RAOUF EL BEIH (Università di Helwan, Il Cairo)
Modalità: a distanza

  1. ANTONIO CATALFAMO (Sichuan International Studies University), Censura e repressione dell’averroismo nella cultura e nella letteratura italiana delle origini

  2. WAFAA RAOUF EL BEIH (Università di Helwan), Totalitarismo e forme di autocensure: la storia di Gamāl al-Ghīṭānī e il simbolo di Elio Vittorini

  3. SALAH MOHAMMED (Università di Minia), Brancati e la censura dal Fascismo alla Democrazia Cristiana

  4. ABDELHALEEM SOLAIMAN (Università di Aswan): Le Mille e una notte e il Decameron . Un comune destino di censura e fortuna

  5. EMNA NEFZI (Università di Palermo): Awlād ḥāritnā di Nağīb Maḥfūẓ e la censura religiosa

  6. HANANE EL BAKKALI (Università Mohamed V, Rabat), Le traduzioni dall’arabo in italiano tra censura e libertà: il caso dello scrittore marocchino Mohamed Choukri
Industria e letteratura in Italia: ascesa e caduta di un potere “forte”

Coordina: ROSA GIULIO (Università di Salerno)
Discussant: ALBERTO GRANESE (Università di Salerno)
Modalità: in presenza

I. Da Pirandello a Parise

  1. ENZA LAMBERTI (Università di Salerno), Tra inchiostro e vernici: la letteratura in fabbrica di Italo Svevo

  2. LOREDANA CASTORI (Università di Salerno), La rivista aziendale: «Il Gatto Selvatico» di Attilio Bertolucci

  3. SANDRA CELENTANO (Università di Salerno), Dalla «reificazione» all’«omologazione»: riflessioni su una “nuova oggettività” e “un nuovo Potere”

  4. GENNARO SGAMBATI (Università di Salerno), «Il Menabò» e La sfida al labirinto : letteratura industriale in Vittorini e Calvino tra rappresentazione e strutturalismo

  5. TOMMASO MEOZZI (Graz Universität), La doppia alienazione dell’antieroe: Memoriale di Paolo Volponi e Il padrone di Goffredo Parise

II. Da Bianciardi a Ottieri

  1. GIORGIO SICA (Università di Salerno), La città agra. Luciano Bianciardi contro Milano

  2. GIOVANNI GENNA (Università di Salerno), Tra antropologia, scienza e mito: l’Ingegner Gadda e l’industria italiana

  3. MARIKA BOFFA (Università di Salerno), La religione dell’industria ne Il padrone di Goffredo Parise

  4. ORIANA BELLISSIMO (Università di Salerno), Primo Levi e la perizia dell’ homo faber : l’esaltazione della dignità operaia come risposta all’alienazione nella civiltà delle macchine

  5. ELEONORA RIMOLO (Università di Salerno), Disumanità e meccanizzazione nella poesia italiana del secondo dopoguerra: Sereni, Zanichelli, Volponi, Ottieri

Il corpo, il riso, il cibo: tra conflitto, sovversione e resistenza al potere

Il potere eversivo del riso: le forme del comico che sfidano i poteri dalle origini della letteratura italiana a oggi

Coordina FLORINDA NARDI (Università di Roma “Tor Vergata”)
Discussant: DANIELA DE LISO (Università di Napoli Federico II)
Modalità: in presenza

  1. NANCY MARIARITA IMPELLIZZERI (Università di Enna), Come smascherare il principe anfitrione: Fabio Vigili vs Blosio Palladio

  2. ILENIA DEL GAUDIO (Università di Foggia), Riso e potere nella Franceide di Giovan Battista Lalli

  3. MARIA DI MARO (Università dell’Aquila), «Ond’ora per goder più vera pace, / l’arso mio motteggiar per sempre tace»: note satirico-burlesche nella poesia di Margherita Costa

  4. VIVIANA TRISCARI (Università di Catania), Tassoni allo specchio. Le illustrazioni di Alberto Martini per La secchia rapita

  5. SILVIA ACOCELLA (Università di Napoli Federico II), Pirandello st-ridens . Dall’ Humor scisso alla «risata dianoetica»

  6. FLAVIA CRISANTI (ELCI – ERIS Sorbonne Université), “Una risata ci seppellirà”: ridere contro il potere nel teatro di narrazione dagli anni Ottanta a oggi
Il comico e il sovversivo. Del riso contro il potere

Coordinano FAUSTO DE MICHELE (Graz Universität) e LORETA DE STASIO (Universidad del País Vasco, Vitoria)
Discussant: PAOLO PUPPA (Università Ca’ Foscari Venezia)
Modalità: a distanza

  1. PAOLO PUPPA (Università Ca’ Foscari Venezia), Morir dal ridere e ridere della morte

  2. LORETA DE STASIO (Universidad del País Vasco, Vitoria), Isabella Andreini, autrice “prima donna” comica e l’inversione della superiorità di genere in poesia

  3. FRANCESCA CARNEVALE (Universidad del País Vasco, Vitoria – Università di Foggia), Il Capitano di Fabrizio De Fornaris e il potere esorcizzante del riso nella commedia del Cinquecento

  4. FAUSTO DE MICHELE (Graz Universität), Ridere della guerra a teatro, ovvero il comico sovversivo di Erasmo da Rotterdam e di Angelo Beolco. Ruzante che era vegnù da campo e Militaria

  5. FIAMMETTA D’ANGELO (Universidad del País Vasco, Vitoria), Corporeità e patologia nell’ironia dei Ragguagli di Parnaso di Traiano Boccalini e in altre esperienze Cinque-seicentesche

  6. MARIA LAURA MARINACCIO (Universidad del País Vasco, Vitoria - Università di Foggia), «Ed io amo infinitamente le persone di spirito». Ritratti al femminile nel comico

  7. ANGELO FAVARO (Università di Roma Tor Vergata), Il comico caustico nel Rap acido di Alberto Arbasino

  8. PAOLA POPULIN (Università di Roma Tor Vergata - Universidad del País Vasco, Vitoria), La vita è «una serie di disgrazie con qualche sciagura»; e il tragicomico ne è la sua cura. Il paradosso comico nel teatro di Manlio Santanelli

  9. JOSÉ MARÍA NADAL (Universidad del País Vasco, Vitoria), Paragoni fra articoli giornalistici corrosivi di U. Eco, M. Travaglio e F. Umbral; e fra questi e pagine letterarie corrosive di G. Guareschi, I. Calvino e L. Goytisolo

  10. ADA PLAZZO (Universidad del País Vasco, Vitoria), La Signora è da buttare

  11. VALERIA MONACHESE (Universidad del País Vasco, Vitoria - Università di Foggia), Dalla libertà fumosa alla terapia del dolore: il comico in Palazzeschi

  12. FABIANA SAVORGNAN CERGNEU DI BRAZZÀ (Università di Udine), Giuseppe Giusti il poeta del dissenso

  13. ALFREDO SGROI (Università di Catania), I grotteschi pupi del potere nei romanzi storici di Camilleri

  14. LUCIANO PONZIO (Università del Salento), Ambivalenza e abduzione del riso come forme di resistenza

  15. ROSANNA MORACE (Sapienza Università di Roma), Il riso sovversivo di Luigi Meneghello: l’antiretorica come catarsi del fascismo
«Per la dannosa colpa de la gola». Cibo e potere nella letteratura italiana

Coordina FRANCESCO SAVERIO MINERVINI (Università di Bari Aldo Moro)
Discussant: FLORINDA NARDI (Università di Roma Tor Vergata)
Modalità: in presenza

  1. VALERIA PUCCINI (Università di Foggia), La rappresentazione del potere nel banchetto nuziale di Bona Sforza, Duchessa di Bari e Regina di Polonia

  2. DRAGANA KAZANDJIOVSKA (Sapienza Università di Roma), «Al ristorante caratteristico romano, anzi trasteverino»: il potere dei sapori romani in Racconti romani di Alberto Moravia

  3. ELISA CHIOCCHETTI (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano), La metafora culinaria come disumanizzazione durante la Seconda Guerra Mondiale: due testi emblematici

  4. ANTONIO R. DANIELE (Università di Foggia), «Il cibo caldo e visi amici»: contro-potere e anti-potere alla tavola di Primo Levi

  5. FRANCESCA ROMANA CAMAROTA (IIS Einaudi, Roma), «Riman da parlare della cucina»: silenzi, assenze, dimenticanze, negazioni. La presenza del cibo nelle opere di narratrici italiane da Deledda a Ferrante
“Il re è nudo!”. Beffa, dileggio, ridicolizzazione del potere nelle forme letterarie e nelle arti

Coordinano DANIELA BOMBARA (Università di Messina) ed ELLEN PATAT (Università di Milano)
Discussant: ENRICO BERNARD (drammaturgo e critico, artist in residence al Middlebury College, USA)
Modalità: a distanza

  1. PAOLA NIGRO (Università di Salerno), Ridere del potere: umorismo e ironia nell’opera di Gianni Rodari

  2. CHIEL MONZONE (Independent Researcher), «A vui magnanimu Vincenzu». L’apparente elogio al principe ne La Carestia di Domenico Tempio

  3. DEBORA BELLINZANI (University of Wisconsin-Madison), L’ironia di Dario Fo negli Stati Uniti: una proposta didattica

  4. ROSINA MARTUCCI (Università di Salerno), L’umorismo dossiano e il potere

  5. ELLEN PATAT (Università di Milano), Linguaggio e immaginario della Cancel Culture in La dittatura immaginaria di Zerocalcare

  6. DANIELA BOMBARA (Università di Messina), Travestitismo, presenza/assenza, tragica buffoneria dei potenti dalla penna dissacratoria di Aldo Palazzeschi

  7. EMILIANO CERESI (Università di Palermo), «Bisogno di lei assassino per trovare ragioni bastevoli al mio riso»: forme, stili e strategie di derisione del potere in Giorgio Manganelli

  8. PAMELA PARENTI (Università di Roma Tor Vergata), Ferdinando di Annibale Ruccello: arguto e inclemente ritratto di un malsano cambiamento epocale
Sadismo e sadomasochismo come forma alternativa o speculare del potere costituito

Coordina MARIO CIANFONI (Sapienza Università di Roma)
Discussant: STEFANIA RIMINI (Università di Catania)
Modalità: in presenza

  1. MARIO CIANFONI (Sapienza Università di Roma), Sadismo: forma “demolitrice” o velleità? Una genealogia e diverse funzioni

  2. GIOVANNI BARRACCO (Università di Roma Tor Vergata), Contro il capitalismo del corpo e la mercificazione del sentimento: perdizione, smarrimento ed esperienza dell’estremo in Altri libertini _e _Seminario sulla gioventù

  3. FABIANO CAROLI (Università di Padova), Il Sadismo nella prospettiva di Roland Barthes

  4. ANGELO IERMANO (Università della Basilicata), Il potere osceno: pratiche sadomasochiste nel cinema politico italiano degli anni Settanta

  5. SERENA MAURIELLO (Sapienza Università di Roma), Decameron VIII, 7: rappresentazioni visuali di una novella erotico-sadica dal Medioevo al Novecento

  6. FRANCESCA VALENTINI (Università Ca’ Foscari Venezia), Petrolio : potere, contropotere e sessualità neobarocca.
Filologia, ecdotica, linguistica: il potere e la riflessione sulla lingua e sui testi
Considerazioni sull’Italiese: una lingua del potere

Coordinano: SIMONE CASINI (University of Toronto Mississauga) e SALVATORE BANCHERI (University of Toronto Mississauga)
Discussant: MARCOGILDO LETTIERI (Indiana University) e CHRISTINE SANSALONE (Laurentian University)
Modalità: a distanza

  1. SIMONE CASINI (University of Toronto Mississauga), Considerazioni sull’Italiese: una lingua del potere

  2. SALVATORE BANCHERI (University of Toronto Mississauga), Rapporti (di forza) per l’italiano all’estero: una riflessione in Nord America

  3. ISABELLA MATTICCHIO (Alpen-Adria-Universität Klagenfurt), Italie fuori d’Italia. Alcuni aspetti linguistici e identitari della Comunità Nazionale Italiana in Croazia
Il testo violato. Varianti d'autore e potere

Coordinano MONICA ZANARDO (Università di Padova) e PAOLA ITALIA (Università di Bologna)
Discussant: PAOLA ITALIA (Università di Bologna)
Modalità: a distanza

I. L’autore di fronte al potere: strategie di protezione, dissimulazione, anticipazione

  1. CHIARA FERRARA (Università di Bari Aldo Moro), «Tutto ciò è ridicolo e fa passar la voglia di scrivere». Esempi di censura, autocensura e varianti coatte nella novellistica pirandelliana

  2. LIBORIO PIETRO BARBARINO (Università di Catania), Certe poesie meglio perderle che cambiarle. Il caso Dio-Caprone

  3. SERENA PIOZZI (Universität Konstanz – Post-Doc Alexander von Humboldt), «Sull’orlo dell’abisso»: dal testo alle tracce. Il diario di Ardengo Soffici fra memoria e oblio

  4. FLAVIA ERBOSI (Sapienza Università di Roma), Varianti coatte d’autore o varianti di regia? Il caso de L’Arialda di Giovanni Testori per la rappresentazione di Luchino Visconti

II. L’editor al servizio del potere: censure, imposizioni, rimaneggiamenti

  1. DARIO BRANCATO (Concordia University), Il testo “rassettato” delle storie commissionate da Cosimo I: fra censura e problemi ecdotici

  2. MILENA GIUFFRIDA (Università di Catania), Il “tizzone ardente”. Censura, autocensura e dissimulazione in Eros e Priapo

  3. MICHELANGELO FAGOTTI (Università di Padova), I reportage di guerra di Malaparte tra censura di regime e dissimulazioni autoriali

  4. ALESSANDRO VUOZZO (Università di Bologna), Il Lukács di Fortini e la fine di «Officina»

  5. BEATRICE NAVA (Università di Bologna), Moralità “censurate”? Il caso Solmi-Adorno e la “riscoperta dei mancanti”
Filologia italiana, istituzioni culturali, edizioni di testi tra Otto e Novecento

Progetto di ricerca “POIChILIA PoterI e ContagI nella Letteratura Italiana: un’Antologia”
Coordina ANTONIO DI SILVESTRO (Università di Catania)
Discussant: STEFANO RAPISARDA (Università di Catania)
Modalità: in presenza

  1. GIULIA CACCIATORE (Università di Catania), «L’indimenticabile mio Maestro». Ernesto Monaci e Luigi Pirandello

  2. GIUSEPPE CANZONERI (Università di Catania), Tormenti di un irredentista. Filologia e politica in Salomone Morpurgo

  3. MIRYAM GRASSO (Università di Catania), Cesare Pavese e la Collana viola

  4. AURORA ZACCAGNINO (Università della Basilicata), Per un censimento delle fonti di Scuola storica nelle Fiabe italiane di Italo Calvino

  5. ALESSANDRO ZAMMATARO (Università di Oxford), Dai “Classici del ridere” alla Grande Enciclopedia Italica . Angelo Fortunato Formìggini e le “ficozze filosofiche” del fascismo

  6. ANTONIO DI SILVESTRO (Università di Catania), Filologia, politica e scelte editoriali: attraversando gli “Scrittori d’Italia”

  7. DENISE BRUNO (Università di Catania), Scritture e riscritture. Nonno Ebe e la testualità piegata al potere

La riflessione sulle forme e sui generi letterari: il potere nella novellistica, nel romanzo, nel teatro

Al centro del potere: la novellistica

Coordinano RENZO BRAGANTINI (Sapienza Università di Roma), MARIA CRISTINA FIGORILLI (Università della Calabria), TERESA NOCITA (Università dell’Aquila)
Discussant: ELISABETTA MENETTI (Università di Modena e Reggio Emilia), NICOLETTA MARCELLI (Università di Urbino Carlo Bo)
Modalità: a distanza

  1. CARMELO TRAMONTANA (Università di Catania), «Non pieghevoli per novelle». Potere della letteratura e rischio mimetico nel Decameron

  2. ANNE ROBIN (Université de Lille), Il potere dei medici e le fonti letterarie nel Decameron

  3. ANTONIO SOTGIU (CERLIM – Sorbonne Nouvelle - Paris 3), La decima giornata del Decameron e la logica del dono: la rappresentazione del potere tra modellizzazione e ironia

  4. NICOLA ESPOSITO (University of Notre Dame), Raccolte di novelle, ovvero manuali per una borghesia di governo. Il caso del Pecorone

  5. AGNESE AMADURI (Università di Catania), «I prìncipi son prìncipi»: la novella di Maestro Manente ne Le Cene di Anton Francesco Grazzini

  6. VITTORIA FOTI (ADI-SD, Roma), I rapporti di forza nelle novelle di ambientazione spagnola di Matteo Bandello e gli influssi presenti nelle Novelas ejemplares di Miguel de Cervantes
Donne di potere nella novella tra Medioevo e Rinascimento

Coordinano SANDRA CARAPEZZA (Università di Milano), ELISA CURTI (Università Ca' Foscari di Venezia) e MONICA MARCHI (Università di Siena). Discussant: ANDREA MANGANARO (Università di Catania)
Modalità: a distanza

  1. ELISABETTA MENETTI (Università di Modena e Reggio Emilia), La camera di Ghismonda

  2. MICHEL CATTANEO (Scuola Normale Superiore di Pisa), Donne di potere nel Novellino di Masuccio Salernitano

  3. GIULIA DEPOLI (Scuola Normale Superiore di Pisa), Le donne di Masuccio: agency oltre l’«anatemizzazione» e la «sublimazione»

  4. ELENA NICCOLAI (Scuola Normale Superiore di Pisa), La Gallica Historia intitulata Iusta Victoria : Felice Feliciano e Francesca de’ Medici

  5. OTTAVIA BRANCHINA (Università di Catania), Donne “di potere” e donne contro il “potere” (maschile) nelle novelle dell’ Orlando furioso . Storie di riscatto, ribellione, beffa e fascino del male

  6. SIMONE FORLESI (Scuola Normale Superiore di Pisa), Ritratti di nobildonne lettrici nelle Novelle di Matteo Bandello

  7. FLAVIA PALMA (Università di Verona), Donne di potere e forme di egemonia al femminile nella novella rinascimentale di area settentrionale

  8. ALESSANDRO PRIVITERA (Independent Scholar), Una “donna di palazzo” per la conversazione borghese: Costanza Amaretta, “reina” dei Ragionamenti del Firenzuola
Letteratura drammatica, arte scenica e potere tra XVI e XVIII secolo

Coordinano STELLA MARIA CASTELLANETA (Università di Bari), CARLO FANELLI (Università della Calabria), ROBERTO PUGGIONI (Università di Cagliari) ed ELISABETTA SELMI (Università di Padova)
Discussant: ROBERTO PUGGIONI (Università di Cagliari) ed ELISABETTA SELMI (Università di Padova)
Modalità: in presenza

  1. MICHELE BORDONI (Università di Cagliari), Maiestate tantum. La Pellegrina di Girolamo Bargagli tra Accademia e propaganda: appunti su una riscrittura

  2. STEFANO FORTIN (Università di Padova), Persistenze settecentesche. Giovita Scalvini e la questione del teatro

  3. ALESSANDRA MUNARI (Università di Padova), Giovan Battista Andreini sulla scena politica: tra sperimentazione letteraria e linguistica, satira ed encomio

  4. CAROLINA PATIERNO (Sorbonne Université - Università di Padova), Politiche mitologiche della prearcadia bolognese. Pier Jacopo Martello, i francesi e le istanze gesuitiche

  5. SERGIO RUSSO (Università di Catania), All’ombra dell’ambiguità: la figura di Abner nel Saul di Alfieri

  6. CINZIA SACCOTELLI (Università di Bari Aldo Moro), Il teatro «semina vitiorum» o «speculum vitae humanae»? L’espressione del teatro nel clima controriformistico

  7. SILVIA SILVESTRI (Università di Bari Aldo Moro), I volti del potere sulla scena europea del Cinquecento: rappresentazioni del dissenso giuridico-istituzionale nei Suppositi e nei Supposes

  8. GIUSEPPE TRAINA (Università di Catania), «Un parassito di malizia il cucco»: il potere di Ligurio nella Mandragola_

La riflessione sulle forme e sui generi letterari: saggismo, autobiografismo, riviste, antologie nel Novecento

Il saggismo degli scrittori: forme letterarie dell’intervento storico in Italia, 1945-2000

Coordinano: ERICA BELLIA (University of Cambridge), MASSIMILIANO CAPPELLO (Università di Milano) e LARA TOFFOLI (Università Ca’ Foscari Venezia e Friedrich-Alexander - Universität Erlangen-Nürnberg)
Discussant: ALESSANDRO CINQUEGRANI (Università Ca’ Foscari Venezia)
Modalità: a distanza

  1. FABRIZIO MILIUCCI (Università di Torino), Tra Fortini e Caproni: Pier Paolo Pasolini di fronte e di profilo

  2. GERARDO IANDOLI (Aix-Marseille Université), L’orda d’oro di Nanni Balestrini e Primo Moroni: la narrazione come logica dialettica, per un’autobiografia collettiva degli anni Sessanta-Settanta

  3. JESSY SIMONINI (Université de Nantes), “Forse una terra promessa”. Scrittori e scrittrici dentro il / fuori dal mito dell’Emilia Rossa

  4. MICHELE FELICE (Università Ca’ Foscari Venezia), Riconoscere l’Invisibile: Elémire Zolla, Guido Ceronetti, Cristina Campo e Roberto Calasso

  5. MARA JOSI (University of Cambridge), Arte e disintegrazione. Elsa Morante, la bomba atomica, il ’68 e gli anni di piombo

  6. FRANCESCA PANGALLO (Università Ca’ Foscari Venezia), Contemporaneità del passato: Giuseppe Pontiggia nel dibattito culturale e letterario italiano

  7. LUCA MOZZACHIODI (Università di Bologna), Aspettando i barbari: Asor Rosa e l’uso politico della tradizione
Per un nuovo regime di adeguatezza: il romanzo contemporaneo fra autobiografismo e Storia comune

Coordinano: STEFANIA LUCAMANTE (Università di Cagliari) e IRENE PALLADINI (Università di Cagliari). Discussant: IRENE PALLADINI (Università di Cagliari)
Modalità: in presenza

  1. RAFFAELLO PALUMBO MOSCA (Università di Torino), Tentazioni autobiografiche, saggismo e racconto della realtà nella narrativa di Antonio Franchini

  2. IRENE PALLADINI (Università di Cagliari), Andrea Bajani e le case delle storie

  3. FRANCESCO AMORUSO (Università di Napoli Federico II), Gadda e le torsioni dell’io nei «lachi della storia grossa»

  4. STEFANIA LUCAMANTE (Università di Cagliari), Distribuire il sensibile. Tracce e testimonianze del politico nel quotidiano nella narrativa di Valeria Parrella
Riviste letterarie e politica tra le due guerre

Coordinano DANIEL RAFFINI (Sapienza Università di Roma) ed ELISIANA FRATOCCHI (Sapienza Università di Roma)
Discussant: FRANCA SINOPOLI (Sapienza Università di Roma)
Modalità: a distanza

I

  1. DANIEL RAFFINI (Sapienza Università di Roma), Le riviste di fronte al Fascismo

  2. MIRIAM CARCIONE (Sapienza Università di Roma), «Legai sempre l’asino dove vollero i padroni, visto che avevo avuto l’idea, non eccessivamente felice, di chiamare dei padroni in casa mia». «L’Italia che scrive» di Angelo Fortunato Formìggini, tra assenso e dissenso.

  3. CLAUDIA CROCCO (Università di Trento), «La Fiera letteraria» (1925-1928): forme di mediazione culturale durante il fascismo

  4. IRENE BERTELLONI (Università di Pisa), Un’impossibile mediazione: il caso «900. Cahiers d’Italie et d’Europe»

  5. ROSARIO GENNARO (Università di Anversa), Strapaese, Stracittà e il problema della traduzione

II

  1. ELISIANA FRATOCCHI (Sapienza Università di Roma), Scritti letterari nell’«Almanacco della donna italiana»: uno spazio di autonomia in una rivista allineata

  2. DAVIDE DI POCE (Sapienza Università di Roma), «La ruota dentata» e il Movimento immaginista

  3. ALBERTO DI FRANCO (Università di Bologna), Letteratura e potere nelle riviste bolognesi del Ventennio fascista

  4. GIOVANNI TURRA (Università Ca’ Foscari Venezia), Il «vitando» Leo Longanesi: cause (e pretesti) della chiusura di «Omnibus»

  5. CARLO PLACEO (Università di Torino), Muscetta e «La Ruota»
Antologie del Novecento

Coordinano LAURA BARDELLI (Università di Firenze) e ANTONIO D'AMBROSIO (Università di Firenze)
Discussant: SIMONE MAGHERINI (Università di Firenze)
Modalità: a distanza

  1. LAURA BARDELLI (Università di Firenze), Tommaso Landolfi traduttore e antologista

  2. AGNESE CADDEO (Sapienza Università di Roma), Antologie letterarie nel “Fondo Guerra” della Biblioteca Universitaria Alessandrina di Roma

  3. AURORA FIRTA (Universitatea din Bucuresti), Antologie di poesia italiana in Romania (2011-2021)

  4. CHIARA LUNGO (Università di Pavia), Appunti su Sanguineti lettore dei Poeti della rivolta

  5. FEDERICO MILONE (Università di Pavia), Due curatori per un libro fantasma: Giuliani, Bertolucci e un’antologia di traduttori

  6. SIMONE MARSI (Università di Parma), L’antologia fascista: canone letterario e pervasività della cultura di regime
Una questione privata. Riflessioni politiche tra confidenza intima e rielaborazione letteraria dal XVI secolo agli anni Zero

Coordinano ILARIA BURATTINI (Università di Bologna-Université de Liège) e MICHELA FANTACCI (Università della Calabria-Aix-Marseille Université) Discussant: SAVERIO VITA (Università di Bologna)
Modalità: a distanza

  1. CHIARA DE CESARE (Università di Parma), Per un commento storico-politico alle Lettere di Ariosto: una proposta di lettura

  2. ILENIA VIOLA (Università della Calabria), Un «ribelle apostolo della verità»: il rapporto tra Benvenuto Cellini e il potere

  3. GIORGIA GALLUCCI (Università di Padova), Tasso e Sisto V: le ragioni di un encomio

  4. ELISABETTA APPETECCHI (Sapienza Università di Roma), Riformare il tempo. Una questione privata di Francesco Bianchini

  5. FILIPPO LUCA SAMBUGARO (Università della Campania Luigi Vanvitelli), Vincenzo Monti giacobino e napoleonico, tra pubblico e privato

  6. ALESSANDRA TREVISAN (Università Ca’ Foscari Venezia), «Protesa solo verso il potere o a una follia lucida senza lacrime»: la riflessione da outsider di Goliarda Sapienza, tra documenti editi ed inediti

  7. MARIANNA COMITANGELO (Università di Roma Tor Vergata), La magnifica merce . I volti del potere nell’autofiction di Walter Siti

===

Di seguito i collegamenti ad alcune informazioni e immagini sulla sede in cui sarà ospitato il Congresso, il Monastero dei Benedettini dell’Università di Catania, patrimonio mondiale dell’Unesco.

http://www.monasterodeibenedettini.it/il-monastero/

http://www.monasterodeibenedettini.it/virtual_tour/

http://www.disum.unict.it/

Back to top